Skip to main content

BIRRAIO DELL’ANNO 2023: VINCE ENRICO CIANI DI BIRRA DELL’EREMO

FERMENTO BIRRA | 21 GENNAIO 2024

Enrico Ciani: è questo il nome che è stato scandito nel momento di massimo silenzio e suspense, quando dal palco del teatro Tuscany Hall di Firenze viene annunciato il vincitore del premio Birraio dell’Anno. Ad aggiudicarsi la quindicesima edizione è dunque il produttore che dal 2012 guida gli impianti del birrificio umbro Birra dell’Eremo a Capodacqua, frazione di Assisi. Ci troviamo sulle prime pendici del monte Subasio, dove tra storia e spiritualità, nel 2012 si manifesta la vocazione per la birra artigianale dei coniugi Enrico Ciani e Geltrude Salvatori Franchi, anima del lato commerciale.

Oggi il team si è allargato rispetto agli esordi, il tasso tecnologico è cresciuto, così come le dimensioni che raggiungono i 4000 ettolitri con una sala cotte da 15 ettolitri. La gamma è ampia, articolata, e annovera pressoché tutte le principali tendenze stilistiche: da quelle facenti capo alle grandi scuole brassicole, con birre più inquadrabili, fino a prodotti creativi, realizzati con ingredienti inusuali o con fermenti non convenzionali, alcuni dei quali preparati in colture dedicate e di proprietà del birrificio umbro.

Enrico nel tempo si è dimostrato un produttore eclettico, curioso e insaziabile nel ricercare nuove ispirazioni: partito stilisticamente dall’Inghilterra e dal Belgio con le prime bottiglie come la golden ale Nobile, la blanche Saggia o la tripel Fuoco, si è poi diretto con maestria nei territori statunitensi dove, merito anche di un upgrade tecnologico culminato con l’arrivo della lattina e dell’isobarico, ha realizzato esplosive e nitide declinazioni di IPA come la tropicaleggiante Tuca, succosissima NEIPA, o le profumatissime DDH Fiji e Yaki. Un viaggio brassicolo proseguito sul versante tedesco con le compagne di bevute Zoe, pils, e Blaz, keller, e approdato al mondo sour, grazie soprattutto alla citata ricerca sui lieviti, ne è un esempio la Ma2 realizzata con un ceppo che ha la caratteristica di produrre acido lattico durante la fermentazione primaria a cui viene aggiunta polpa di passion fruit.

Dalla cantina escono fuori anche prodotti dall’alto tasso di innovazione che non disdegnano neanche l’uva come ingrediente in più. Un’esplorazione quella del territorio delle IGA che in realtà inizia pochi mesi dopo l’apertura del birrificio con la Brace, un Barley Wine con utilizzo di 20% di mosto di Sagrantino. Ma la svolta c’è quando Enrico inizia a pensare a queste birre in maniera differente, ovvero come due mondi che si incontrano: nasce così la Genesi, prodotta con il metodo champenoise e mosto di uve verdicchio. Un’idea che affonda le radici nel suo passato, quando ogni domenica prima di pranzo ammirava suo padre aprire alla voleè una delle innumerevoli prove autoprodotte di spumante: in altre parole la “genesi” della sua avventura come birraio. Birre poi affiancate da altre creazioni come la Selva e la sorella Selva Sour realizzate entrambe con il 30% di mosto di Sauvignon Blanc, ma fermentate la prima con un un blend di saccharomyces utilizzati solitamente nel vino e in botte con un metodo spontaneo la seconda.

Un birraio umile, capace e silenzioso che per natura non ama i riflettori puntati, ma che con il tempo ci avrà fatto l’abitudine anche per i tanti premi ritirati. E anche oggi è un giorno di flash: un altro importante riconoscimento deve trovare posto nella bacheca di Birra dell’Eremo.

CLASSIFICA BIRRAIO DELL’ANNO 2023

1° Enrico Ciani del birrificio Birra dell’Eremo di Assisi (PG)
2° Marco Valeriani del birrificio Alder di Seregno (MB)
3° Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM)
4° Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77 di Serrapetrona (MC)
5° Luca Dalla Torre del birrificio Bondai di Sutrio (UD)
6° Pietro di Pilato del birrificio Brewfist di Codogno (LO)
7° Emanuele Longo del Birrificio Lariano di Sirone (LC)
8° Luigi Recchiuti del birrificio Opperbacco di Notaresco (TE)
9° Samuele Cesaroni del birrificio Brasseria della Fonte di Pienza (SI)
10° Conor Gallagher Deeks del birrificio Hilltop di Bassano Romano (VT)
11° Agostino Arioli del Birrificio Italiano di Limido Comasco (CO)
12° Marco Raffaeli del birrificio Mukkeller di Porto Sant’Elpidio (FM)
13° Luca Tassinati del Birrificio Liquida di Ostellato (FE)
14° Alessio Selvaggio del birrificio Croce di Malto di Trecate (NO)
15° Josif Vezzoli del birrificio Birra Elvo di Graglia (BI)
16° Mirko Giorgi del birrificio Shire di Pomezia (RM)
17° Flaviano Brandi del birrificio Bibibir di Castellalto (TE)
18° Fabio Brocca del Birrificio Lambrate di Milano
19° Luigi D’Amelio del birrificio Extraomnes di Marnate (VA)
20° Vincenzo Follino del birrificio Bonavena Brewing di Faicchio (BN)

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO
Hai almeno 18 anni? Devi essere maggiorenne per entrare in questo sito. Hai 18 anni?