Skip to main content

Enrico Ciani di Birra dell’Eremo è Birraio dell’Anno 2023

Jacopo Cossater | 21 Gennaio 2024

È Enrico Ciani di Birra dell’Eremo di Assisi, in Umbria, il vincitore del concorso Birraio dell’Anno istituito da Fermento Birra, quello che ogni anno incorona il miglior produttore italiano. Un premio che vuole riconoscere la costanza qualitativa di un birrificio nel corso dei 12 mesi secondo una giuria di esperti qualificati. Al secondo e al terzo posto rispettivamente Marco Valeriani di Alder e Giovanni Faenza di Ritual Lab, entrambi già premiati negli anni scorsi.

Un riconoscimento che premia il lavoro di un birrificio che ha saputo imporsi come uno dei più rilevanti non solo dell’Italia Centrale. È infatti molto tempo che Birra dell’Eremo produce una gamma di straordinaria varietà ma anche solidità, capace di spaziare con sicurezza da basse ad alte fermentazioni, fino a raffinate sour. Le mie preferite la Zoe, una keller pils di grande precisione e la Fiji, pale ale con copiosa aggiunta di luppolo di dry hopping. Le storicissime Fuoco, tripel di finezza e di spessore, e Nobile, golden ale dissetante e rifinita. Da non mancare tutte le nuove sour alla frutta della linea Bootleg. Ero in birrificio solo una decina di giorni fa e ho ritrovato la sicurezza e l’entusiasmo di sempre. Da una parte Enrico Ciani e le sue doppie cotte giornaliere, unico modo per stare al passo con una produzione sempre maggiore. Dall’altra Geltrude Franchi a gestire con millimetrica attenzione ogni aspetto commerciale e di comunicazione. Complimenti a entrambi.

Insieme a Birraio dell’anno è stato assegnato anche il premio Birraio Emergente, quest’anno a Mattia Bonardi di Nama Brewing di Treviglio, Bergamo.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO
Hai almeno 18 anni? Devi essere maggiorenne per entrare in questo sito. Hai 18 anni?